HEINKEL HE-176 1:72 JACH

Lo Heinkel He 176 era un aereo sperimentale monomotore a razzo ad ala media realizzato dall’azienda tedesca Ernst Heinkel Flugzeugwerke alla fine degli anni trenta.
Detiene il primato di essere stato il primo aereo al mondo ad essere alimentato solamente da un razzo a carburante liquido, effettuando il primo volo il 20 giugno 1939 con Erich Warsitz ai controlli.

Il primo volo ufficiale del Heinkel He 176 fu il 20 giugno 1939, pilotato da Erich Warsitz. Il giorno successivo, 21 giugno, l’He 176 venne presentato ad alcuni leader del RLM (Ernst Udet, Erhard Milch). Udet non fu impressionato, e proibì ulteriori test a causa dei pericoli inerenti al volo con razzi. Questo divieto venne emesso due volte e per due volte fu tolto, fino al 3 luglio 1939, quando fu organizzata un’ altra dimostrazione aerea a Roggentin per Adolf Hitler e altri dirigenti del Terzo Reich. Il 12 settembre 1939 venne emesso un ordine ufficiale per terminare qualsiasi ulteriore sviluppo sul progetto del He 176. L’aereo prototipo restò nascosto per anni nella fabbrica di Heinkel a Rostock-Marienehe, ma poi venne imballato e spedito al museo dell’Aria a Berlino dove venne distrutto in un bombardamento Alleato nel 1944.

per ulteriori informazioni [url=http://www.luft46.com/prototyp/he176.html ]Luft 46[/url]

Il modello è della JACH

Il Kit:
All’interno della scatola ci sono 2 micro-sprues con 18 pezzi di styrene grigio chiaro, tre trasparenti e un piccolo foglio in fotoinciso.
Le parti si presentano ben stampate, la texture è molto liscia e i pannelli sono finemente incisi. L’impressione generale è quindi assolutamente ottima.
Devo aggiungere che i trasparenti sono molto chiari e che non sono visibili segni di estrattori o ritiri.
Instruzioni
Sono contenute in un foglio A4
Direi che sono piuttosto complete. Unico dubbio sulla verniciatura perchè alcuni fonti danno le ali verdi mentre altre danno il veivolo completamente metalliche.
In ogni caso le istruzioni contengono i codici RLM.

A breve le foto delle stampate

non ho capito se convenga postare di seguito ai commenti o se invece sia opportuno modificare il primo post.
Credo che non potendosi inserire più di 20 foto in un singolo post sia più logico fare un nuovo post.

Ho finalmente aperto la scatola e, dato che sono gentile ;-), vi faccio dare una sbirciata dentro….

le istruzioni:

Le stampate:

I fotoincisi sono minuscoli!!!! 😮 😮

Le due semifusoliere non hanno perno di riscontro, dovrò inventarmi qualcosa.

Ecco quindi la pittura dell’abitacolo e chiuso la fusoliera: ci sarà molto da stuccare e da reincidere…

Ho quindi raccordato il trasparente alla fusoliera, bisognerà riportare il tutto a specchio, cospargere di Future e sperare in Dio 😉

che fatica reincidere i pannelli!!! … non sono un aeroplano e si vede…..

Ho finito il montaggio (salvo i carrelli ed alcuni pezzi in fotoinciso che monterò dopo aver pitturato la fusoliera. ecco il piccolino in tutto il suo splendore.

Ecco il modello primerato con il primer Alclad.

ed ecco le prime passate di alclad:

Ho deciso di sperimentare i colori metallici Citadel per variare la tinta metallica. essendo acrilici vinilici non si corrono rischi di danneggiare l’alclad.
Occorre stare attenti con la diluizione per evitare i segni delle pennellate.
Ecco i colori usati:

ecco il risultato:

E’ ora di mascherare la fusoliera per poi colorare con RLM2 Ali ed impennaggi:

poi via di preshading:

Ecco la mescola che ho utilizzato per riprodurre RLM2 (tamiya):
XF83 (9PARTI)+XF54 (12PARTI)+XF74(10PARTI)
per calcolare la mescola ho utilizzato un simpatico programmino per Iphone: iModelKit (gratuito)

ho quindi colorato le parti verdine:

schiarendo un po’ con l’XF83. Una volta finito, ho incrociato le dita e con l’aiuto del mio aiutante pilota ho rimosso le mascherature! 😮
et voilà:

Fatti i lavaggi (colori ad olio diluiti in white spirit), pitturati i carrelli e gli ultimi pannelli, realizzata la basetta…..

Lo dichiaro FINITO!!!! 😀 😀
Almeno una campagna l’ho fatta!!!!! 😛
ecco le foto!

questo modello partecipa alla campagna L’alba del reattore su: 

Print Friendly, PDF & Email